La Piramide Energetica

La Piramide di Cheope

Costruita nel 2570 a.C. e attribuita al faraone Horo Medjedu (Cheope), è la più antica tra le sette meraviglie del mondo, una testimonianza delle straordinarie conoscenze fisiche, astronomiche, geografiche ed esoteriche degli antichi Egizi.

A intraprendere una prima titanica impresa di misurazione della Piramide, fu l’astronomo Charles Piazzi Smyth, che portò avanti le teorie di John Taylor, secondo cui l’architetto della piramide fu il biblico Noè il quale nascose in questo progetto le sue conoscenze fisiche, astronomiche, geologiche ed esoteriche.

Dagli studi sulla Piramide di Cheope, infatti, si è visto come:

  1. Ci sia un perfetto allineamento perpendicolare dei lati in direzione nord-sud ed est-ovest
    2. Misurando la lunghezza del lato di base in cubiti, si ottiene il numero dei giorni dell’anno solare
    3. Moltiplicando l’altezza della Piramide per dieci milioni, si ottiene la distanza media tra la Terra e il Sole
    4. Dividendo il perimetro di base per il doppio dell’altezza, si ottiene il valore di pi greco

Ma c’è di più. Amr Ghed, studioso incaricato – durante una spedizione scientifica alla fine degli anni ’60 del ‘900 – di installare alcuni apparecchi all’interno della piramide per verificarne la ionizzazione dell’aria, dichiarò l’esistenza di un mistero che va al di là di ogni spiegazione, una forza che sfida le leggi della scienza.

Che le piramidi non siano state progettate per la sepoltura dei faraoni, ma per convogliare l’energia cosmica verso gli uomini e verso chi è accolto al loro interno?

L’autorevole studio condotto da Luis Alvarez (Premio Nobel per la Fisica nel 1968), vi misurò un’accentuata ionizzazione dell’aria oltre alla proprietà d’accumulare energia positiva in grado di agire addirittura sulla materia fisica e comportarsi da condensatore e catalizzatore energetico.

All’interno della piramide, infatti, circolano e si amplificano l’energia calda del cielo (centrifuga e dinamica) unita a quella fredda della terra (centripeta e ricettiva), andando ad energizzare persone e oggetti contenuti al suo interno. Questa Energia Cosmica è stata chiamata “Raggio verde negativo”.

 

Una piramide energetica che produca gli effetti di quella di Cheope è realizzabile se rispettano:

  • Gli stessi rapporti geometrici: base-altezza di 1,5708, pari a mezzo pi greco;
  • Un orientamento perpendicolare Nord-Sud e Est-Ovest dei suoi lati di base.

La nostra piramide energetica misura 600 cm di lato di base e 381 cm di altezza

 

Simbologia

  • La base quadrata rappresenta i 4 elementi (Terra, Aria, Acqua, Fuoco)
  • La punta, invece, rappresenta il quinto elemento (l’etere)
  • Unità perfetta, tutti siamo parte della Creazione, dell’Uno
  • La punta sull’apice della Piramide rappresenta l’Evoluzione Spirituale della materia che permette alla Persona il progredire verso l’alto e ottenere il massimo dei Benefici dal perpetuo collegamento tra le Energie Fisiche e quelle Spirituali